Progetti

    

A.S.D.  JUDO   MONTEBELLUNA

Home
Il Judo
Chi siamo
Contatti
Galleria Foto
Consiglio Direttivo
Il Trofeo
Progetti
Insegnanti
L'arte di educare
Un po' di storia
Gare e Risultati
Programmi
Notizie
Archivio

 

COLLABORAZIONI E PROGETTI :

 

L’ A.s.d. Judo Montebelluna  si sta impegnando concretamente per dare risposte più ampie rispetto all’ ambito sportivo che le compete.

Nel corso di questi anni abbiamo creato un gruppo di lavoro composto da tecnici e atleti volontari, al quale collaborano anche una psicologa e un pedagogista.

Insieme abbiamo messo in atto una serie di progetti rivolti a ragazzi con problematiche scolastiche o comportamentali (vedi progetto “Judogiocando”) e, in collaborazione  con l’Ass. sportiva Sport Life, un progetto di integrazione sportiva che riguarda i ragazzi con diversi tipi di disabilità  (progetto Judo Life).

 

L’Avvio di questi progetti ha richiesto un lungo periodo di studio, preparazione e  collaborazione con altre Ass. sportive che hanno a cuore come noi il benessere dei giovani e delle fasce sociali più deboli.

  Il  progetto Judo Life

l’idea è  nata in collaborazione con l’A.s.d Sport life onlus che si occupa di sport per ragazzi disabili ed è rivolto soprattutto a ragazzi con disabilità mentale .

I nostri tecnici hanno frequentato corsi di formazione per l’insegnamento del Judo disabili :

- nel settembre 2007 il tecnico federale Ermanno Furia ha tenuto un corso presso la nostra palestra rivolto alla formazione di volontari e tecnici. Il corso è stato organizzato dalla nostra società ed è stato aperto a tecnici e volontari di altre Associazioni  sportive di judo del Veneto.

- Sempre nello stesso anno hanno frequentato uno Stage di aggiornamento  presso il Centro sport terapia Judo Ravenna  riguardante la didattica del judo per persone diversamente abili.

       

- Obiettivi del corso:

Il corso si tiene presso la nostra palestra nei giorni di martedì e venerdì e si pone come obiettivi   sia un miglioramento delle capacità motorie di base  e la conoscenza di semplici tecniche di judo,sia un momento di integrazione attraverso lo scambio verbale e il contatto  fisico con gli altri atleti non disabili che partecipano al corso, in generale c’è uno scambio reciproco di esperienze che coinvolge positivamente tutto il gruppo.

- Responsabili del corso:

Maestro Pizzolon Adriano cintura nera VI dan diplomato presso l’Accademia Nazionale di Judo in Roma.

Dott.ssa Campagnaro Maria  psicologa, psicoterapeuta familiare relazionale. Formatore di equipe di educatori. Docente corsi O.S.S. ULSS 9 Treviso

atleti volontari che coadiuvano:

Lucia Verbano, Marco Da Riva,Tiziano Favero, Michele Sandre, Giuseppe Malagnino,Paolo Innocente

 

 

 

Il progetto Judogiocando

 

L’idea nasce dalla constatazione che molti bambini e ragazzi oggi presentano difficoltà di motricità fine, attentive e comportamentali alle quali i genitori e spesso anche gli insegnanti faticano a dare risposte. Pensiamo che alcune difficoltà non nascano esclusivamente da problematiche familiari o da demotivazione ma da deficit sensoriali che, almeno in parte, si possono recuperare attraverso esercizi motori mirati.

Abbiamo preso contatti con l’Associazione Judo “Le Sorgive” di Solferino (MN) che già da molti anni ha sperimentato alcune strumentalità dell’atto motorio, le quali permettono di affrontare e gestire meglio queste difficoltà e migliorare quindi le abilità del bambino e di conseguenza anche il suo inserimento nel contesto classe e in generale nella società.

Con Il maestro Serenelli responsabile del Judo le Sorgive e il pedagogista dott  Fabio Tognon dell’ Università di Verona, studioso di queste tecniche finalizzate ad un miglioramento cognitivo e comportamentale dei ragazzi, siamo in costante collaborazione .

 

- obiettivi del progetto:

Stabilire degli esercizi specifici a seconda delle problematiche che essi presentano; attraverso la disciplina del Judo si può disporre di un’opportunità motoria ed educativa mirata a facilitare la maturazione e la crescita di capacità ed abilità strumentali negli apprendimenti di lettura scrittura e calcolo. A sostegno di queste convinzioni vi sono alla base numerosi studi che il nostro pedagogista ha illustrato con vari esempi durante il convegno tenutosi a Montebelluna.

Questo ci ha convinto a proporre anche un servizio di ascolto per le famiglie che riscontrano delle difficoltà del bambino a scuola.

La dott.ssa Campagnaro è disponibile a colloquiare con i familiari per discutere di questi problemi e formare un quadro preciso della problematica. In seguito viene richiesto l’intervento del dott. Tognon Fabio che da la sua disponibilità a sentire personalmente i bambini e i ragazzi.

Su indicazione dei due esperti si passa poi alla parte pratica che consiste in esercizi specifici da svolgere   in palestra  sotto la direzione del Maestro Adriano Pizzolon.

 

- Responsabili del progetto:

Dott.ssa Campagnaro Maria  psicologa, psicoterapeuta familiare relazionale. Formatore di equipe di educatori. Docente corsi O.S.S. ULSS 9 Treviso

Dott. Fabio Tognon, pedagogista. Membro del Gruppo di Studio e Ricerca di Pedagogia Speciale presso la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di studi di Verona.

Maestro Pizzolon Adriano cintura nera VI dan diplomato presso l’Accademia Nazionale di Judo in Roma.

 


Home

 

 

Ultimo aggiornamento:  03-02-19